INFO CONTATTI SALA STAMPA CREDITI LINK NEWS    
PROGRAMMA             .ENG  .FRA  .ESP   
SCRITTORE
   Antonio Skarmeta
.Bibliografia 
.Stampa .Segnala
Biografia
Esteban Antonio Skármeta č nato ad Antofagasta, in Cile, nel 1940 da una famiglia di origine dalmata. Ha studiato Lettere e Filosofia nel suo paese e poi a New York. Nel 1973, in seguito al colpo di stato contro il governo di Salvador Allende, ha dovuto abbandonare il suo paese d’origine: della dolorosa vicenda scrive in Sognai che la neve bruciava, prima opera dell’esilio, pubblicata nel 1975.
Trasferitosi prima in Argentina e poi a Berlino, qui insegna sceneggiatura all'accademia di cinema e televisione; nel 2000 viene nominato ambasciatore del Cile in Germania. Oggi vive nuovamente in Cile.
In Italia sono edite molte delle sue opere, tra cui il famosissimo Postino di Neruda, da cui č stato tratto il film diretto da Michael Radford con Massimo Troisi e Philippe Noiret.
Skármeta ha ricevuto numerosi premi in tutto il mondo, tra cui il Prix Médicis in Francia, il Goethe in Germania, e in Italia il Grinzane Cavour, il Premio Elsa Morante e il Boccaccio International.
Con il suo ultimo lavoro, Il ballo della vittoria, ha vinto il premio Planeta 2003.
Č Commendtore delle Arti e delle Lettere e ha ricevuto l’Ordine al merito nel grado di Commendatore della Repubblica italiana.
Oltre ad essere uno scrittore di fama, č regista di documentari e film, sceneggiatore e attore. Č stato traduttore di opere di Mailer, Scott Fitzgerald, Melville.
 
Hanno detto di lui

"Uno dei piů importanti scrittori di lingua spagnola".
Le Monde

"Sullo sfondo di una Santiago del Cile che puzza di hotdog e di gasolio, lo scrittore cileno ambienta una storia di realismo poetico piena di humour, solidarietŕ e rabbia [...] Č proprio in quel mondo dimenticato, che vive senza salire sul treno del successo e del profitto a tutti i costi, che Skármeta trova, come ha dichiarato egli stesso, "lo spazio per la tenerezza, lo humour, la solidarietŕ e l’amicizia"". Bruno Arpaia, Il Mattino
PARTECIPA ALLA SERATA DEL
.27 maggio
LETTO DA
.Riccardo Bini
MUSICA DI
.Nicola Stilo
.Fabio Zeppetella